In queste pagine sono raccolte esperienze, lavori e ricordi legati a una passione per gli orologi che mi ha sempre affascinato.
Non so cosa mi spinga a osservare, a leggere e a curiosare tra un meccanismo e l’altro,  so solo che col passare degli anni l’interesse verso questo mondo non è cambiato,   anzi.
E’ un mondo articolato, non direi complesso ma non facile da capire per chi è abituato a giudicare un orologio dal solo aspetto esteriore; il design è senz’altro un fattore importante in un orologio ma sapere cosa si nasconde al suo interno è determinante per valutarne il reale valore. Non è raro infatti scoprire che il motore di un orologio di poche centinaia di euro sia montato su altri orologi dal costo decine di volte superiore, anche se va detto che alcune case apportano ai motori importanti migliorie su componenti e rifiniture. Quando analizzo un nuovo modello, l’interesse propende sempre nel comprendere cosa ci sia al suo interno, che tipo di motore e che soluzioni adotti, per avere un’idea personale di quali caratteristiche e doti di precisione possa esprimere.

 

Nel tempo questo interesse e passione verso l’orologeria e le complicazioni della micromeccanica, mi hanno portato a frequentare corsi di specializzazione su orologi a carica manuale e automatica, fino ai cronografi con più complicazioni; ma al di là della tipologia, su ogni orologio si innesca sempre quella curiosità che mi spinge a ricercare eventuali anomalie, siano esse evidenti o nascoste, soprattutto quando ci si trova davanti a orologi con scarsa manutenzione dove le probabilità di incontrare problemi aumentano (… non a caso le case costruttrici consigliano una revisione dopo sei massimo otto anni).
Il bello è che tutto questo mi rilassa e ciò non mi dispiace affatto! Mi chiudo nel laboratorio senza considerare orari e spesso proseguendo ad oltranza (anche fino a notte fonda) magari per finire di rimontare un vecchio orologio e capire se finalmente sia tornato in buona salute, interpretando il tracciato grafico sullo strumento elettronico quasi fosse l’elettrocardiogramma di un paziente appena reduce da un’operazione al cuore.
Insomma, continuo a divertirmi in questo mondo, anche aiutando amici e conoscenti a ripristinare o a mantenere in forma i loro orologi e pubblicando con dovuta modestia qualche nuova esperienza, sperando che un po’ di passione e curiosità, come per me, pervada anche voi.

Marco Coscarella

Se hai bisogno di informazioni scrivi un messaggio